Articoli

MASSIMO GIUNTINI

Polistrumentista di Arezzo, Massimo Giuntini è attivo musicalmente da parecchi anni. Dopo le prime esperienze Rock e Blues, due viaggi in Irlanda, e il successivo contatto con la musica di Davy Spillane fanno nascere in lui la passione per il genere irish e per  strumenti come il tin-whistle prima e per la uilleann pipe poi, che segneranno profondamente le sue future scelte artistiche. Nel 1994 forma i Ductia;   nel 1996 entra in formazione con i Modena City Ramblers, con i quali ha una lunga collaborazione. Dal dicembre 2002 Massimo Giuntini entra in formazione stabile anche con i Whisky Trail.  Ha suonato anche con Vinicio Capossela, Ronnie Drew, Craobh Rua.

E’ considerato uno dei maggiori interpreti della uilleann pipe, la tipica cornamusa irlandese a mantice. Nel 2005, la prémiere di “Ancestral Breath” è stata affiancata dalla prima uscita ufficiale della nuova band che ora affianca Massimo Giuntini nelle sue esibizioni dal vivo in qualità di solista. Il suo ritmo incalzante, la sua semplicità e simpatia, l’interpretazione personale delle ballate Irlandesi, Scozzesi e Bretoni, le contaminazioni etniche e l’originalità della sua musica fanno di Massimo Giuntini uno dei maggiori interpreti del genere folk celtico in Italia e in Europa. Dall’alto della sua esperienza può vantare partecipazioni nei maggiori Festival di musica Celtica in Italia ed in Europa, tra cui tre partecipazioni a Tarvisium Celtica.

Per maggiori informazioni  visita il sito

www.massimogiuntini.com

Per informazioni e disponibilità per concerti  contattare:

Ciro Casagrande – Tel. 335.5206356

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

MASSIMO GIUNTINI - BIOGRAFIA

MASSIMO GIUNTINI inizia a suonare il clarinetto nella banda del paese (Subbiano, in provincia di Arezzo) sotto la guida del signor Graziano Rossi, passa poi alla banda di Bibbiena (1978-1979).Nel 1980 Forma il primo gruppo rock i Goings, dove suonerà il basso elettrico fino al 1984, per lo più interpretano cover rock: Led Zeppelin, Jethro Tull, Yes, Deep Purple, Black Sabbath.Nel 1986 entra nei Pigheads,: cover rock (Pink Floyd, Marillion, Peter Gabriel) e blues (Blues Brothers, Chuck Berry, Little Richard etc.), li lascerà nel 1990.Nel 1990 fa il primo viaggio in Irlanda, dove conosce i dischi di Davy Spillane e compra un tin whistle.Nel 1991 fonda il gruppo Casa del Vento. Nello stesso anno torna in Irlanda, portando con sé strumenti, dischi e soprattutto un practice set di uilleann pipes. Comprerà un full set di uilleann pipe l'anno successivo. Tra il 1991 e il 1995 è in tournee con la Casa del Vento. Nel 1993 suona a Castiglion Fiorentino (AR) in compagnia di personaggi famosi: John Renbourn (ex Pentangle), Pierre Bensusan, Craobh Rua.Nel 1994 ad Arezzo forma i Ductia.

Nel 1996 viene chiamato insieme a Francesco Moneti, a far parte dei Modena City Ramblers, con i quali inciderà 2 album Terra e libertà (1997) e Raccolti (1998) e con i quali sarà in tournée fino all'ottobre 1998. Collabora con i Ramblers anche nel disco successivo Fuori campo.

Nel 1997 trova però il tempo di suonare la bombarda ne Il ballo di San Vito di Vinicio Capossela e le uilleann pipes per Paola e Chiara e nel primo CD dei Ductia e di fare una tournée estiva con gli irlandesi Craobh Rua.

Nel 1999 incide alcuni brani con Alan Roberts ed esce l’album Il ramo d'oro dei Ductia. Suona in concerto con The Chieftains.

Tra il 2000 e il 2002 è ancora con i Modena City Ramblers con i quali incide Radio Rebelde.

Sempre nel 2001 registra nell’album Questa parte di mondo di Paola Turci e incide il suo primo CD solista, Celticaravan. Produce artisticamente il primo CD Me Sa Se Mmiammo Da Veda dei La Tresca. Collabora con il suo vecchio gruppo i La Casa del vento nel disco con Stefano Bellotti 900.

Nel 2001 recita una piccola parte di musicista irlandese in Gangs of New York di Martin Scorsese e suona nel brano tradizionale irlandese Devil Amongst the Tailors nella Colonna sonora

Lasciati i Modena City Ramblers nel novembre 2002 entra nei Whisky Trail, storico gruppo di musica celtica. Incide ancora con la casa del vento nel disco Il pane e le rose.

Nel 2003 si sposa e incide Blue Planet dei Ductia e il secondo CD solista Indo-European. Produce inoltre il secondo CD de La Tresca, titolo Compagni di strada.

Nel 2004 registra nell’album Controentu di Raffaello Simeoni e nell’album L'oste del diau dei Lou Dalfin. Produce il CD Le Città del Polo Nord di Rodolfo Montuoro e 60 anni di Resistenza della Casa del vento, oltre a collaborare al loro disco Al di là degli alberi.

Nel 2005 esce il suo terzo album Ancestral Breath.

Nel 2006 partecipa al disco La lunga notte di Stefano Bellotti che nel frattempo ha lasciato i Modena City Ramblers.